Blocco del Mutuo

Il blocco del mutuo è entrato in vigore a partire dal 1 febbraio, e consente la sospensione delle rate del mutuo sottoscritto da tutte quelle famiglie che presentano notevoli difficoltà nel rimborso, a causa della forte crisi economica che ha inginocchiato gran parte dei contribuenti e delle piccole e medie imprese nella penisola italiana.

Il blocco dei mutui nasce da un accordo sottofirmato dall’ABI e le Associazioni dei Consumatori, secondo quanto previsto dal Ministero dell’Economia che ha avallato la proposta.

Con tale accordo, infatti, il mutuatario ha la possibilità di congelare le rate del contratto per almeno 12 mesi, ciò in rapporto a coloro che nell’anno finanziario 2009-2010 sono stati danneggiati per eventi quali la morte dell’intestatario del finanziamento, il suo improvviso stato di disoccupazione o il manifestarsi di gravi situazioni di insufficienza reddituale o una presumibile condizione di cassa integrazione.

Ogni eventuale deficienza deve essersi manifestata entro un periodo compreso tra il 1 e il 31 dicembre 2009, relativo a uno status reddituale del soggetto che non va a oltrepassare i 40 mila euro annui al netto.

Il blocco dei mutui, tuttavia, presenta delle limitazioni, inerenti a un ritardo dei pagamenti che non deve superare i 180 giorni a rata: la disposizione è stata estesa dopo la prima che prevedeva un limite massimo d’insolvenza di 90 giorni, ciò per facilitare maggiormente le famiglie in crisi, che possono giostrarsi entro un periodo di morosità fino a un massimo di 6 mesi.

Le richieste di avvio del blocco, pertanto, hanno ricevuto il nullaosta da questo febbraio, secondo una domanda scritta redatta in base a un modello già presente presso le maggiori banche e società di credito, o da richiedere direttamente all’ABI: una volta inoltrata la richiesta, trascorrerà un periodo di verifica della stessa, dopo la quale scatterà la sospensione del mutuo, decorsi 45 giorni lavorativi dall’invio cartaceo.


6 thoughts on “Blocco del Mutuo

  • katia

    io ho fatto la richiesta perchè sono in difficoltà, mio marito ha perso il lavoro e da poco l’ho perso anche io…purtroppo non è stata accettata poichè il mutuo che ho preso 4 anni fà era di e 169.000,00 ed è l’unico requisito che nn mi ha fatto accettare la domanda, allora io mi chiedo e chiedo a voi l’agevolazione dove sta?anche io sono in difficoltà, ma per 19.000,00 e sono uscita fuori, ora spiegatemi io dove vado a sbattere la testa, e sopratutto qui sopra DOVE sta scritto che non deve essere superiore ai 150.000,00 euro!!!!!!!!

  • andrea

    questa è una vera e propria bufala!!!!le banche non aderiscono…..la mia banca blocca solo la quota capitale, per me vuol dire che dovrò comunque pagare 270 euro al mese….un pò difficile da disoccupato, specie quando l’inps non sborsa ancora un quattrino per la mia disoccupazione, il tfr non mi è stato totalmente corrisposto.E’ da dicembre che non lavoro e voi raccontate favole. GRAZIE!A TUTTI COLORO CHE HANNO CONTRIBUITO A ROVINARMI E DISTRUGGERMI LA VITA!

  • MAURIZIO

    MIO GENERO E’ DA FEBBRAIO IN CASSA INTEGRAZIONE E HA UN MUTUO,SEMPRE STATO PUNTUALE ,PER 10 ANNI,NEI PAGAMENTI,ORA IN CASSA INTEGRAZIONE LUI,LA MOGLIE GUADAGNA 1000 EURI AL MESE E HANNNO UN BAMBINO PICCOLO,LA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO DI FANO NON VUOLE CONCEDERE IL BLOCCO PER 12 MESI,COSA SI DEVE FARE?

  • luigi

    il banco di bari mi sta facendo un sacco di storie non vogliono bloccarmi il mutuo e uno schifo

  • roberta

    E’ veramente uno schifo vivere in italia. ci mandano a vivere sotto i ponti. ho chiesto il blocco del mutuo,vivo da sola sono disoccupata e ho una rata da 540 euro al mese……ah dimenticavo x problemi di salute ogni 6 mesi devo fare una risonanza magnetica alla testa.. A che serve mi stanno facendo morire loro.

  • francesco

    io e mia moglie abbiamo un mutuo di 122000euro in 20 anni.Ho pagato sempre anche in anticipo le mie rate…..ora mia moglie sta perdento il lavoro e senza il suo stipendio non ce la faremo a pagare la rata visto che paghiamo la bellezza di 795 euro al mese ed e un mutuo a tasso fisso acceso a maggio del 2004…..stamattina sono stato in banca e mi hanno detto tante di quelle parole che non cio capito niente……ho l inpressione che sulle sventure delle persone che perdono il lavoro la banca vuole fare ancora l affare cioe come dire se perdi il lavoro per loro e meglio cosi ti congelono le rate per poi fattele pagare con iteressi che non si capisce a quale tasso.LA VOLETE SAPERE COME VA A FINIRE?CHE TOCCA ANDARSENE LONTANO DALL ITALIA.

Di la tua..

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *